Sciacca Lavorazione del Corallo

Lavorazione del Corallo

Sciacca - Guida di Sciacca

Arte - Cultura - Storia - Mare - Turismo - Vacanza

Sciacca Lavorazione del Corallo

Sciacca   Sciacca
 
Sciacca Lavorazione del Corallo

...terra di mare...terra d'amare...


Lavorazione del Corallo

Scelta del corallo grezzo: il materiale grezzo pescato veniva lavato e diviso secondo dimensione, forma e colore, per poterne poi scegliere la più conveniente utilizzazione. Particolare la terminologia per distinguere il grezzo secondo la grossezza. Terraglio: cime e rametti sottili; terraglione: rametti più grossi; barbaresco: rami di 4-5 mm. di diametro; corpo: rami di oltre 55 mm. di diametro; mostra: parte di maggior grossezza; paccottiglia: tronchi più diritti e senza ramificazioni; taglio: si svolgeva su un apposito banco di legno incidendo il pezzo prima con una lima di acciaio a triangolo, poi, più profondamente, con una spada a sega e recidendolo infine con una grossa tenaglia; Crivellatura: il corallo, già tagliato, diviso a gruppi e selezionato per colore, passava per una serie di crivelli dal fondo di ottone con fori gradualmente più grandi per ottenere varie partite di diverse misure; foratura: utilizzando un trapanetto ad arco munito di punta di acciaio, il corallo veniva forato o a "passatoio", cioè da parte a parte, per essere infilato in collane; o a "mezzobuco", nel caso di bottoni, palline, pendoli da fissare su perni; Spianatura: in tale fase il corallo infilato in un filo di ferro rigidamente teso, veniva sgrossato su una mola di pietra arenaria; arrotatura o arrotondatura : è la modellatura. Per la "roba di fabbrica", era effettuata con una grossa mola, azionata a mano. Per il "tondo e rotondo", occorreva una ulteriore rifinitura con una lima di acciaio temperato a punta, detta "quadrella", per rendere perfetta la curva del pallino. Per restituire al corallo il suo colore naturale e renderlo più vivo, esso veniva immerso in un bagno di acqua ossigenata. Lucidatura (Lustrata): i coralli venivano posti in sacchetti di tela o barili mossi eccentricamente insieme ad acqua saponata, polvere di pomice e di corno di cervo calcinato, per sfruttare l'azione abrasiva di tali sostanze. Assortimento: i coralli venivano ulteriormente selezionati secondo misura, colore e qualità; Infilatura: i coralli così assortiti erano composti in fili di varia lunghezza.

Frange: fili composti da cime sottili di corallo, lunghe dai 5 ai 50 mm. circa, bucate in senso orizzontale in prossimità di una delle due estremità; la lunghezza dei coralli è digradante dal centro verso le estremità. Spezzati: fili composti da piccole cime di corallo lunghe dai 4 ai 10 mm. circa, bucati al centro in senso orizzontale. Rocchielli: piccole cime di corallo poco più spesse degli spezzati, diritte e con i bordi leggermente torniti. Cupolini: rocchielli a punte completamente tornite. Mezzi finiti: tronchetti di corallo simili ai cupolini ma lavorati al centro in modo da diminuirne lo spessore, questo consentiva maggiore aderenza ad incastro tra i coralli, così da renderne più fitta la sequenza. Finiti: ulteriore lavorazione dei mezzi finiti che permetteva di ottenere due pallini uniti tra loro. Nel punto di unione era praticato il foro per l'infilatura. Cannettine: tronchetti diritti, di misura e spessore variabili, levigati in modo da assumere una forma cilindrica e bucati in senso longitudinale. Mezzania: cannettine molto corte (fino a un massimo di 6 mm.), con i bordi smussati. Chiattelle: rondelle di corallo, più o meno spesse, con i bordi arrotondati. Flotticelle: cilindri di corallo appena smussati alle estremità. Venivano preparati in fili da 45 a 240 cm. di lunghezza. Olivette: coralli a forma di oliva più o meno allungate. Corpetti: piccoli globi di corallo di lunghezza leggermente inferiore alle botticelle. Corpi: corpetti leggermente più grandi (4-5 mm. di diametro). Tondo: pallini perfettamente sferici. Maometti: tronchetti lunghi dai 3 ai 5 cm. e spessi 8 mm. circa e bucati in senso longitudinale. Di queste lavorazioni solo alcune sono ancora oggi in uso. Colletti: fili di spezzati lunghi 18 cm.. Sciarpe: spezzati e rocchielli lunghi circa 120 cm.. Filo di grossezza: filo in cui venivano raccolti i coralli più grandi della partita lavorata. Mazzi di grossezza: mazzi formati da un filo di grossezza e 24 fili tra loro uguali per forma e dimensioni. Codini: piccoli fili che raccoglievano pochi grani di corallo molto grossi. Caporesti: mazzi di fili dai 6 ai 12 mm. di spessore che raggiungevano un peso di 250 gr. ciascuno. Fili accodati: fili con coralli dello stesso taglio posti in ordine decrescente dal centro verso le due estremità.


 

Sciacca

 

Sciacca

Sciacca   Sciacca
 
Sciacca

...terra di mare...terra d'amare...


Consigliati


 

Sciacca

 

Lampedusa

Sciacca   Sciacca
 
Sciacca




 

Sciacca

 

Sciacca


Guida di Sciacca

 

Guida di Sciacca - Copyright © 2000 - Tutti i diritti riservati. Aggiornato il: